Home
+39 0583 644911
  • Register

Calendario Eventi

Luglio 2020
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Incontri & convegni

Notizie

Banca delle terre 10mila ettari per i giovani agricoltori

Per un valore di almeno 130 milioni. La ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova: "Aiutiamo i giovani che possono pagare in trenta anni e avviamo una riforma fondiaria"

 di Tommaso Tetro

Sono 10mila ettari, 386 aree offerte, per un valore minimo atteso di almeno 130 milioni di euro. Con questi numeri viene lanciato il nuovo bando della Banca nazionale delle terre agricole, dedicato a chi vuole avviare un'impresa nei campi e indirizzato anche all'obiettivo del ricambio generazionale.

Il via libera al terzo bando della Banca delle terre - presentato nel corso del convegno 'Seminiamo il futuro' organizzato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare) al Maxxi, a Roma - è cominciato il 19 febbraio scorso e durerà fino al 19 aprile; in questi due mesi sarà possibile inviare le manifestazioni di interesse per l'acquisto di uno o più appezzamenti.

Dalla Banca delle terre a una nuova riforma fondiaria, la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova fa un collegamento diretto: "Offriamo ai giovani 10mila ettari di terra che possono immediatamente esser messi in produzione e noi li aiutiamo rateizzando fino a trenta anni il pagamento del costo delle terre - osserva la ministra delle Politiche agricole - questo è per noi un inizio perché io voglio invitare davvero con grande forza le istituzioni, a partire dai comuni, a fare l'anagrafe delle loro terre incolte perché dobbiamo avviare una nuova riforma fondiaria in questo paese".

I ricavi delle vendite saranno investiti integralmente nelle misure per i giovani agricoltori; con un'agevolazione per quelli con meno di 41 che potranno pagare a rate per un periodo fino a trenta anni.

Altri approfondimenti


Oltre la metà dei terreni si trovano in regioni del Sud Italia: Sicilia (22%), Basilicata (21%) e Puglia (9%), il 23% sono al Centro soprattutto in Umbria (10%) e Toscana (9%). La superficie media è di 26 ettari, più del triplo della media italiana. Tutti i terreni possono produrre redditi fin da subito e senza investimenti onerosi.

La Banca nazionale delle terre agricole è nata nel 2016 per agevolare l'incontro tra domanda e offerta. I primi due lotti hanno rimesso in circolo 402 terreni derivanti dalle operazioni fondiarie di Ismea per un totale di 10.574 ettari, di cui 4.643 aggiudicati a 129 imprenditori; il 75% di questi sono giovani 'contadini'. Le tipologie di colture più presenti sono seminativo (48%), prato o pascolo (22%), bosco (8%), uliveto e agrumeto (5% entrambi).

"Abbiamo trasformato terreni virtuali, non utilizzati, in terreni reali, nuove storie di giovani imprenditori agricoli - osserva il direttore generale di Ismea, Raffaele Borriello - la Banca delle terre è una grande opportunità per rafforzare l'agricoltura italiana".

Secondo uno studio di Ismea - in base a dati di Unioncamere - le aziende italiane di under 35 sono cresciute di oltre il 15% dal 2015 al 2019, arrivando a oltre 57mila pari al 7,7% del totale delle imprese iscritte al registro alla fine del 2019; questo a fronte della flessione del numero di aziende agricole totali (meno 3%). Le aziende guidate da donne sono oltre 210mila.

Sono anche aumentati di anno in anno gli iscritti alle facoltà di agraria, che hanno visto 2mila matricole in più all'anno dal 2014. I nuovi agricoltori hanno studiato più delle generazioni precedenti (il 16% dei giovani capi azienda ha la laurea e il 51% un diploma), e hanno aziende più grandi con una media di 18 ettari a fronte dei 10 ettari di chi ha più di quaranta anni; e poi scelgono la campagna per un interesse legato alla terra e all'ambiente; rispetto ai colleghi più anziani hanno maggiore propensione all'investimento, a fare rete, e a innovare anche in un'ottica di agricoltura sostenibile, sociale, di precisione. Per la produzione agricola è prevista una crescita del 2% nei prossimi anni - rileva il presidente di Ismea, Enrico Corali - soprattutto "per sfamare la popolazione mondiale, che ogni anno vede 75 milioni di persone in più".

"Se l'agricoltura deve diventare il centro del sistema economico - conclude Teresa Bellanova - dobbiamo dare la possibilità di un accesso alle terre che non sia molto oneroso e al tempo stesso dobbiamo dotare lavoratori, lavoratrici e imprese con strumenti che sostengono l'innovazione, la ricerca e la collocazione sui mercati di prodotti che sono sempre di maggiore qualità".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore: Tommaso Tetro

BUONE FESTE

I NOSTRI MIGLIORI AUGURI PER LE PROSSIME FESTIVITÀ

Incontro tecnico: le problematiche fitosanitarie del castagno. ZOCCA

News dall'associato Amici di Rivalto

Le Castagne? Sono anche cibo di strada!

Ci capita spesso di citare l’importanza che ha avuto la castagna nella storia dell’agricoltura e delle popolazioni rurali e ci piace sottolineare come, ancora ogIl venditore ambulante di castagne o spacciatore di “marroni fini” appare già in una stampa del 1600 edita da Claudio Duchet. Nei secoli la castagna rimane cibo abituale per diversi strati delle popolazioni e abituale diventa trovare i montanari che scendono dalle montagne più o meno vicine per trasformarsi in  venditori ambulanti nei vicoli delle strade urbane offrendo castagne cotte. Nel corso della storia è noto come i venditori ambulanti di castagne cotte si organizzavano addirittura in gruppi o compagnie. A tale proposito si ricorda lo statuto della Compagnia dei Caldarrostai di Forno di Zoldo nel Bellunese che è conservato presso la biblioteca di Venàs ed è datato 1884. Gli strumenti del caldarrostaio erano molto semplici e includevano un fornello e un misurino di latta necessario a determinare la giusta misura e che, nella storia, è stato oggetto di continue contestazioni da parte dei consumatori. Un editto della città di Roma risalente al XVII secolo “ordinava e comandava [che] tutti quelli che venderanno castagne ne devino dare 16 al quattrino, tanto lesse como arroste o in forno” (Valli, 2003).gi, la castanicoltura rivesta un ruolo significativo, non solo per la produzione e vendita dei suoi frutti, ma anche per la conservazione del territorio.

Leggi tutto: News dall'associato Amici di Rivalto

Ricerca nel Sito

Adotta un Castagno

...NEL CASTAGNETO

Archivio Newsletter

Gli Ultimi Eventi

Nessun evento

Concorso Dolci

Notiziario Castanea

Rivista AgroNotizie

Book of ABSTRACT

Facebook

Twitter

Fioritura

modulo rilev. dati cinipide

Ass. Castanicoltori

Iscriviti alla Newsletter

newsletter1.png